Cresce la spesa low cost nei discount

La crisi continua a cambiare le abitudini degli italiani

Cresce la spesa low cost nei discount

Gli italiani si recano sempre più nei discount per fare la spesa. C'è stato un rialzo del 3,4% rispetto allo scorso anno, un dato in controtendenza se paragonato al calo che ha registrato l'alimentare nelle varie forme distributive.

Ciò è quanto emerge da una analisi della Coldiretti nel commentare i dati Istat relativi al commercio al dettaglio nel mese di settembre. I carelli degli italiani sono sempre più vuoti e questo anche a causa di nuove abitudini dettate dalla crisi: non solo la scelta del punto vendita ma anche, come sottolinea un'analisi Coldiretti/Censis, dal fatto che un italiano su tre (il 32%) fa regolarmente scorta di cibo in offerta mentre la metà degli italiani (49,8 per cento) afferma di fare sempre la lista scritta della spesa per non cadere nella "trappola" degli acquisti impulsivi. Inoltre sei italiani su dieci hanno ridotto gli acquisti alimentari, per un totale di 15,4 milioni di famiglie che hanno tirato ancora di più la cinghia negli ultimi due anni.

E così nascono nuovi comportamenti di risposta alla crisi: si riutilizzano in cucina i cibi avanzati dai precedenti pasti senza considerare che otto italiani su dieci acquistano di meno perche' non buttano il cibo scaduto (+18% dall'inizio del 2014).

Le fotografie appartengono ai rispettivi proprietari. Blog di ricette di cucina ed itinerari gastronomici - missione cucina non rivendica alcuna paternità e proprietà ad esclusione di dove esplicitata.
Vi invitiamo a contattarci per richiederne la rimozione qualora autori.

Ti è piaciuta questa pagina?
Esprimi il tuo giudizio via Social Network

Aggiungi un Commento

Locali attrezzati